News ed Eventi

LA SIBE CHIUDE IL GIRONE D'ANDATA AD ASCIANO

I Dragons al match che vale già metà campionato

Sembra una battuta, ma nonostante le squadre non abbiano ancora girato la boa di metà campionato, quella che andrà in scena al Palazzetto di Asciano ha già l'aria di una gara basilare per il proseguo del girone. SIBE ed Asciano condividono il fondo della classifica con 2 punti, distanziati di 8 da un terzetto formato da Montale, Synergy e Montevarchi, e dunque chi uscirà sconfitto dalla sfida si sabato, palla a due alle 18,30 alzata da Bianchi di Firenze e Leoncini di Lastra a Signa, sarà costretto a rincorrere per tutto il girone di ritorno per evitare l'ultimo posto, quello che spedisce direttamente in serie D.

I senesi provengono da una sonora sconfitta patita nella prima del 2014 in quel di Montale, ma l'assenza di 3 elementi dello starting five è molto più di un'attenuante. Franceschini, Assoua e Spadoni, assenti nel pistoiese, sono addirittura i tre migliori realizzatori dell'Asciano. Il primo, figlio d'arte, lo scorso anno al Costone in serie B, è una vecchia conoscenza dei Dragons, contro i quali ha sempre disputato ottime partite. Coach Cini inoltre può contare su elementi di provata esperienza, quali Ceccherini e Fattorini, oltre al lungo Corzani, fratello maggiore di quel Lorenzo, pivot della SIBE nei due anni di serie B. Jolly d'eccezione è poi Chianese, ex Colle Valdelsa, capace di giocare in 3 ruoli.

Coach Pinelli, che non sa se potrà avere già a disposizione il giovane Falchi, ha lavorato molto in settimana per provare a mettere in difficoltà i padroni di casa alzando i ritmi dell'attacco, senza dimenticare la difesa sugli abili tiratori senesi.

Dalla lotta per la salvezza in Dnc a quella in C. Cambia la categoria ma non l'obbietivo per Luca Falchi che passa dalla Juve Pontedera alla corte di coach Pinelli a Prato. La guardia, tornato con i pontederesi quest'anno dopo l'esperienza in maglia Use, va a rinforzare il reparto degli esterni rossoblù, aggiungendo pericolosità, specie da oltre l'arco dei 6,75 (dove per ora in stagione ha tirato con il 27%) portando i suoi 14,2 punti di media. Falchi non poteva arrivare in un momento peggiore a Prato: domani c'è infatti lo scontro salvezza ad Asciano (anche se fino all'ultimo non si saprà se sarà nei 10 per problemi burocratici), un match per evitare l'onta dell'ultimo posto solitario alla fine del girone d'andata e una boccata di ossigeno prima del trittico impossibile con Legnaia, Pescia e Certaldo.

Dopo questa gara ad attendere Prato ci sarà un terribile poker di gare dove i Dragons dovranno affrontare le prime tre in classifica a partire dalle trasferte di Certaldo e Legnaia inframezzate da Pescia alle Toscanini.

Prima della gara di Legnaia i Dragons saranno impegnati anche dalle Final Four di Coppa Toscana, organizzate alle Toscanini nel fine settimana 1 e 2 febbraio. Già stabilito il calendario con i pratesi che affronteranno Grosseto in semifinale sabato 1à alle 16,30 mentre a seguire scenderanno in campo per l'altra semifinale Virtus Siena e Cypros Agliana.