News ed Eventi

Dragons ancora al palo , superCempini affonda i lanieri

ANCORA UN FINALE AMARO PER LA SIBE – PESCIA CON SUPER CEMPINI SORPASSA NEL FINALE (90 a 80) – Non basta ai Dragons un Corsi da 23 punti, 14 rimbalzi e 38 di valutazione

La SIBE si presenta a Pescia senza il lungo Diaw; anche i padroni di casa devono fare a meno di Tiberi, ma al suo posto inseriscono Monti, ed il play classe 78 alla fine si rivelerà decisivo. I pratesi partono male perdendo subito troppi palloni, ma sono bravi a limitare gli esterni pesciatini che si affidano però ad un Cempini in serata di grazia. Il lungo pisano chiuderà con 37 punti con 10 su 10 dalla lunetta e 3 su 3 dai 6.75. Messa però a posto la difesa e con maggiore attenzione, i Dragons mettono la freccia e sorpassano con capitan Corsi e Vannoni particolarmente ispirati (21 a 22). Il 2 quarto vede ancora la supremazia laniera; Magni in gran spolvero si affianca ai soliti Vannoni e Corsi e la SIBE scappa anche sul più 8, ma nel finale un tecnico risibile a Guerrini e l’esperienza di Monti permettono ai rossoverdi di impattare e poi di chiudere in vantaggio all’intervallo (38 a 36).

I pratesi non ci stanno ed al rientro con due gancetti del capitano rimettono la testa avanti. Consorti trova 5 punti importanti mentre coach Santi si affida sempre più a Cempini che già alla fine del 3 quarto ha scritto 28. Smecca, a lungo in campo per sostituire Biscardi gravato di falli, è osservato speciale dopo le bordate dai 6.75 della gara di Coppa Toscana, ma non ha la mano calda di 20 giorni or sono.

Nel finale ancora una volta un paio di disattenzioni permettono a Monti e co. di chiudere avanti (57 a 55). Nell’ultimo quarto gli uomini di coach Pinelli provano la fuga, stoppati da una tripla di Monti al quale risponde sempre dall’arco Corsi per il 67 a 62 che obbliga coach Santi, nel frattempo passato a zona, al timeout. Pescia si affida ancora a Cempini e Monti che quando non segnano assistono il pivot Vanni, e quando si arriva agli ultimi 5 minuti la gara è tutta da giocare. Biscardi realizza da centro area e prova a spingere i suoi che sembrano tuttavia con il fiato corto. Cempini ribatte a Magni e Vannoni, ma Prato forza troppo e su due transizioni Brogi trova due triple consecutive che danno il più 7 ad 1’30” dalla sirena ed in pratica mandano i titoli di coda perché i Dragons a corto di rotazioni possono solo affidarsi al fallo sistematico. Dalla lunetta i padroni di casa non perdono lucidità, fanno 10 su 12 e chiudono sul 90 ad 80.

Alla SIBE non si fanno drammi per queste due prime sconfitte; tutti sapevano che le prime 4 gare erano proibitive, ma lo staff è sicuro di essere sulla strada buona. Adesso in attesa di ospitare Legnaia, prima al termine della regular season lo scorso anno, sperano nel via libera dei sanitari a Diaw, e che l’infortunio al pollice, patito da Corsi nei secondi finali di Pescia, sia di lieve entità. Sarebbe una vera iattura dovere affrontare con il reparto pivot azzerato, la coppia di lunghi più considerata del girone come appunto quella fiorentina formata da Pinna e Temoka che domenica prossima alle ore 21.15 saranno protagonisti alle Toscanini.

CESTISTICA PESCIA vs SIBE PRATO 90 - 80 (21-22, 38-36, 57-58)

Dragons: Guerrini, Biscardi 8, Sanesi, Magni 18, Consorti 8, Corsi 23, Vannoni 16, Smecca 7, Onuhoa, Mazzoni; Allen: Pinelli, Assistenti Novelli e Manganello.

Pescia: Panattoni 4, Vanni 12, Cempini 37, Di Noia 8, Brogi 14, Niccolai, Monti 15, Nannini N.E, Mattiello N.E, Baggio; Allenatore: Santi

PARZIALI:21-22, 38-36, 57-55.
Pescia si ripete dopo l'esordio a Montale, mentre i Dragons restano al palo. Al PalaBorelli, trascinati dal solito immarcabile Cempini, i valdinievolini stendono i rossoblù nel finale, quando la coperta di coach Pinelli si rivela troppo corta.

Santi deve rinunciare a Tiberi, distorsione, ma può schierare al suo posto come "over" Monti, mentre per la Sibe senza Diaw sotto i tabelloni è davvero dura. A turno Corsi e Magni provano a fermare il lungo pisano che però è in serata di grazia: 37 punti, 3/3 dai 6,75 10/10 dalla lunetta e 9/15 da due lo score alla fine. Nonostante ciò sono proprio Corsi e Magni nell'altra metà campo a far male a Pescia, con i Dragons che nella seconda frazione raggiungono anche otto punti di vantaggio. Dopo l'intervallo con Consorti e Biscardi gravati di tre falli, la difesa pratese ne risente e Pescia trova più facilmente la via del canestro. Nell'ultimo periodo i Dragons riallungano sul 59-64, ma i padroni di casa ricuciono subito. Si arriva gomito a gomito, ma sul 73-72 interno è Brogi a trovare due triple micidiali che stendono gli ospiti. Sul +7 con 2'30'' da giocare, la Sibe tenta il fallo sistematico per risalire, ma dalla lunetta i pesciatini sono infallibili e riscattano così il ko di Coppa Toscana.