News ed Eventi

I Dragons cedono al Pescia targato Cempini / Monti e lasciano i play off

Dal sito Toscana basket Live Pescia passa anche alla Toscanini
Cempini dice 33 e Prato dà l'addio ai sogni

Prato-Pescia 75-82
SIBE PALLACANESTRO PRATO:Biscardi, Magni 11, Consorti 17, Vannoni 14, Onuhoa, Dell'Orfanello, Taiti 10, Corsi 8, Smecca 15, Banci. Allenatore: Grossi
AUDACE PESCIA:Guidi 9, Maddaluni, Baggio 5, Brogi 3, Monti 20, Stefani 9, Cempini 33, Bernardi ne, Santini 1, Keraj 2. Allenatore: Santi
ARBITRI:Fabiani di Livorno e Isufi di Rosignano
PARZIALI:14-17, 35-38, 55-63
Pescia raddoppia e espugna il parquet di Prato, stoppando la corsa dei Dragons già in gara 2. La truppa di Grossi non ha saputo trovare le contromisure a un Cempini quasi infallibile (33 con pochissimi errori), ma paga sopratutto gli errori nei momenti chiave e il nervosismo a causa di alcuni fischi "peregrini" di una coppia non all'altezza degli altri protagonisti.Che sia la serata dell'ala pisana si vede fin dalla prima azione chiusa subito con due punti, risponde Consorti, ma gli ospiti provano a scappare con i piani partita pratesi già scompaginati dai due falli di Corsi in 3'. Il quarto poi si sviluppa su due strappi: il primo di 7-0 con la tripla di Smecca che firma il 12-10 interno, il secondo dopo il time out di Santi, sempe di 7-0, ma per i pistoiesi, con Cempini e Monti protagonisti. Il più 2 ospite del 10' dura poco perché Prato ci mette più intensità ad andare a rimbalzo in attacco e ritorna nuovamente avanti quando arriva il primo fischio che scalda gli animi rossoblù. E' un tecnico a Consorti per aver simulato un contatto, molto generoso per usare un eufemismo: la penalità non incide sul match come punteggio (Pescia torna avanti solo di uno), ma sui nervi e sulle rotazioni sì. Grossi prova con la zona, ma è un invito a nozze per gli arancioni che colpiscono subito dalla lunga; fortuna per Prato che anche Smecca inquadra il canestro dall'arco dei 6,75 e si va a braccetto fino all'intervallo. O quasi perché sulla sirena del 20' arriva un'altra fischiata che fa discutere: sul tiro da metà campo di Monti Taiti lo contrasta, fallosamente secondo l'arbitro lontano che offre tre liberi a Pescia. La squadra di Santi prova a dare il colpo del ko rientrando dagli spogliatoi, Stefani prima, Cempini poi e il vantaggio si dilata a più 8 dopo nemmeno un minuto. I rossoblù si attaccano a Taiti, accusano un po', ma allungando la difesa riescono a dimezzare il divario (43-47). Oltre ai problemi di rotazioni, causa falli, coach Grossi ha anche quello di contentere Guidi che fa sempre perdere le sue tracce a Biscardi, aprendo il gioco per tutti i pesciatini che ringraziano e tornano sul più 9. Stavolta è l'esperienza di Corsi a tenere viva Prato che però spreca un paio di occasioni di troppo per il riaggancio definitivo, arrivando al massimo a meno 3. Un altro tecnico dubbio (a Biscardi) rispacca la partita con 5-0 esterno che scrive il più 8 con cui si va all'ultimo intervallo (nel frattempo gli arbitri prendono una decisione incomprensibile a 9 decimi dalla sirena cambiando il senso di una rimessa a favore dei Dragons). Prato non è morta però e si rifà sotto con Vannoni e Smecca, l'Audace replica con Guidi e il solito Cempini mentre i rossoblù perdono i pezzi per falli, Taiti, che poi dalla panchina protesta troppo e regala un altro tecnico agli avversari poco prima della metà del quarto (63-72). Le penalità costringono sul pino anche Cempini, ma i padroni di casa non ne approfittano, anzi scivolano a meno 10 a 3'23" dalla fine. L'ultimo assalto pratese parte da una zona allungata che frutta palle rubate e un 7-0 che scrive sul tabellone il 72-74 con 1'22" da giocare, ma è il canto del cigno perché nell'azione dopo i rossoblù si scordano di Cempini che dal gomito piazza il più 4, prima di un brutto attacco che fa scendere i titoli di coda. C'è tempo infatti solo di qualche libero che arrotonda il punteggio sul 75-82 finale che sancisce la fine della stagione di Prato e il passaggio del turno contro la vincente tra Certaldo e Grosseto per Pescia.

LA SIBE CI PROVA MA PESCIA SBANCA LE TOSCANINI E VOLA IN SEMIFINALE (75 a 82) – UN ENORME GRAZIE AI DRAGONS CHE CI HANNO FATTO DIVERTIRE PER UN’INTERA STAGIONE

Sole poche note su gara 2 dei quarti di finale dei playoff perché vogliamo sfruttare lo spazio e la vostra attenzione per i ringraziamenti finali.

Il colpo d’occhio delle Toscanini è splendido, con i tifosi che indossano T’shirt rosse e blu e incitano per tutti i 40’ i Dragons

La SIBE entra in campo con l’acqua alla gola, quella contro la Cestistica è gara senza ritorno. Si pensa solo a forzare gli ospiti a gara 3, programmata per domenica prossima a Pescia, ma la tensione è troppa e palpabile già in avvio con Pescia che accelera e Prato ad inseguire ed a ricucire con uno splendido Smecca, insieme ad uno stoico Consorti gli MVP lanieri di questi playoff. Cempini è però inarrestabile e continua dove aveva lasciato; 62 punti nel doppio confronto abbatterebbero anche un rinoceronte, ed i Dragons questa sera sono lontani parenti di quelli che per tutto il 2013 hanno tenuto inviolato il proprio parquet. I ragazzi di coach Grossi sono troppo nervosi e si fanno coinvolgere anche nella pessima serata dei direttori di gara. Il 14 a 17 del 1� quarto e grazie ad un preciso Magni, il 35 a 38 all’intervallo non sarebbero di per se risolutivi, ma l’inerzia è nelle mani pesciatine che continuano a sfruttare in attacco un mostruoso Cempini che finirà con un 11 su 14 dal campo ed un 10 su 10 dalla lunetta. La ripresa vede ancora Pescia decollare con Monti che guida con esperienza gli attacchi ospiti e Cempini ad incrementare il proprio tabellino nonostante Consorti si prodighi per tenere Prato in partita per il 55 a 63 all’ultimo intervallo. LA SIBE però non s’arrende e grazie a Vannoni, Consorti e Corsi ed alla zona molto aggressiva ordinata da coach Grossi torna a meno 2 a quando manca solo 1’22” dalla sirena finale. L’uscite per falli di Taiti e Consorti lasciano però troppo sguarnita l’area e Pescia vola in semifinale chiudendo sul 75 a 82.

Al termine c’è logica amarezza, ma anche consapevolezza che la squadra, costruita in totale autarchia ha fatto appieno il proprio dovere, conquistando una post season anche a scapito di formazioni più attrezzate e “ricche”. Da qui si dovrà ripartire perché il duro e lungo campionato ha messo in evidenza diversi giovani che hanno maturato un’esperienza importante e che non avranno difficoltà ad essere protagonisti nelle prossime stagioni.

TV Prato trasmetterà sul canale sportivo (212 del Digitale Terrestre) la telecronaca dell’incontro con Pescia giovedì 16 maggio alle 16.30. Sul canale generalista (74) la cronaca sarà messa in onda domenica 19 alle ore 24 circa. Nella prossima settimana, repliche con l’orario usuale, mercoledì 22 alle 22.30 e poi il giorno successivo alle 16.30

E’ giunto quindi il tempo dei ringraziamenti che tutta la dirigenza intende pubblicamente fare ad iniziare dalla conduzione tecnica; prima quella di Marco Pieri che ha guidato la formazione nella preparazione precampionato e poi per 15 gare come capo allenatore. Ringraziamenti particolari a coach Grossi che si è prestato ad inizio 2013 a condurre una squadra che appariva sfiduciata portandola alla post season contando anche sull’aiuto e l’esperienza di Marco Masi. A coach Pinelli responsabile tecnico giovanile e coach dell’Under 19 Elite che ha collaborato da par suo alla crescita dei più giovani. Anche quest’anno eccellente il lavoro del duo della Motus Project Cherin e Ciofi che ormai da anni si occupano della preparazione fisico atletica dei Dragons, così come il medico sociale Dott. Paolo Carbonati e Doc Luca Magni per il recupero degli atleti presso il suo studio Medicalsport. Ringraziamenti a tutti gli amici che ci aiutano finanziariamente e non solo, a partire dal main sponsor, la SIBE Commerciale. Grazie ai supporter che sempre in crescendo hanno seguito la squadra con simpatia. Un ringraziamento a TV Prato che trasmette più volte sui propri canali le gare riprese dal cameraman Sandro Innocenti. A tutti i media con una menzione particolare a Toscana Basketlive, il più completo sito di basket toscano. Li abbiamo lasciati per ultimi solo per dare loro ancora maggior risalto, ma il grazie più grande va ai giocatori che per 38 partite ufficiali non si sono mai tirati indietro, alcuni rinunciando anche ad ottimi ingaggi hanno sposato per affetto la causa Dragons, più volte affrettando i recuperi da infortuni e stringendo spesso i denti pur di esserci, magari ricorrendo alle cure di Giovanni “Massa” Limberti, fisioterapista che si prende cura dei muscoli dei ragazzi ormai da una “vita” ed al quale i semplici ringraziamenti sono veramente troppo poco!

Adesso, per la programmazione della prossima stagione, la palla passa ai dirigenti che tuttavia hanno già manifestato l’intenzione di continuare sulla strada intrapresa e coinvolgere sempre maggiormente i giovani del vivaio.

SIBE PRATO vs CESTISTICA PESCIA 75 - 82 (14/17 – 35/38 – 55/63)

DRAGONS: Biscardi, Dell’Orfanello, Magni 11, Taiti 10, Consorti 17, Corsi 8, Vannoni 14, Smecca 15, Onuhoa, Banci; Allenatore: Grossi

AUDACE: Guidi 9, Maddaluni, Baggio 5, Cempini 33, Brogi 3, Monti 19, Stefani 9, Bernardi NE, Santini 1, Keraj 2; Allenatore: Santi

ARBITRI: Fabiani di Livorno e Isufj di Rosignano M.mo