News ed Eventi

Il derbissimo se lo aggiudica Prato

Stavolta il derby è di Prato I rossoblù vanno ai playoff

Si dice che il risultato dei derby spesso non tenga solo conto delle forze in campo e dei reali valori espressi dalle squadre nelle precedenti partite. Ed è per questo che coach Grossi ha calcato molto in fase di preparazione sull’importanza di partire concentrati. E in un PalaMazzini con il tifo diviso a metà, i Dragons hanno risposto subito alla grande; 0 a 7 iniziale e già dopo meno di 2 minuti coach Vaiani era costretto a chiamare timeout. Fracassini e Mattei davano anche l’illusione di poter riportare presto l’Italcerniere in partita, ma un monumentale Taiti difendeva l’area alla grande e realizzava da tutte le posizioni, con canestri da sotto, dall’arco e dalla lunetta. Per la SIBE segnavano un po’ tutti, anche se con medie non stratosferiche, ma le palle recuperate ed i rimbalzi d’attacco davano il la al 15 a 20 opera di Dell’Orfanello, carico al punto giusto per abbattere gli ex compagni. Nel secondo quarto il leitmotiv rimaneva il solito, Prato a tentare la fuga e Poli, Fracassini e Mattei a ribattere. Taiti e Corsi realizzavano canestri importanti per tenere a debita distanza i padroni di casa ed erano un baluardo insormontabile in difesa. Biscardi e Vannoni completavano l’opera ed il vantaggio all’intervallo cresceva fino al 28 a 34.

Per 7 minuti il 3 tempino vedeva ancora i rossoblu condurre con i soliti vantaggi grazie alle belle iniziative di Taiti e Smecca, anche 7 rimbalzi nel quarto per il giovanissimo esterno pratese, ma poi sembravano afflosciarsi sotto la spinta di Fracassini ed i liberi di Mattei e Vettori, che tuttavia non riuscivano mai a tornare sotto gap grazie alle conclusioni di capitan Corsi e di Banci (44 a 47). L’ultimo quarto aveva un solo nome: Filippo Vannoni; la giovane guardia laniera metteva in carniere 11 punti in meno di 8 minuti con un eccellente 9 su 10 dai liberi conquistando con il pivot Taiti il titolo si MVP di serata. Per i Cinghials solo Poli e Mattei provavano a reggere botta, ma ancora Biscardi e Dell’Orfanello dai 6.75 mettevano la parola fine al match già a 3 minuti dalla sirena finale (54 a 66). Gioia contenuta per i Dragons ai quali manca veramente un soffio per agguantare i playoff.

Adesso coach Grossi avrà a disposizione un solo allenamento per affrontare Livorno che arriverà alle Toscanini domenica 28 aprile ben più riposato dei pratesi per aver giocato l’infrasettimanale due giorni prima. Il tecnico pratese, che ancora non potrà disporre di Consorti, dovrà fare a meno anche di Onouha, infortunatosi ad un ginocchio nella gara di Vaiano e le cui condizioni saranno valutate dopo gli indispensabili controlli ecografici. I labronici, dopo un avvio stentato sono annunciati adesso come la squadra più in forma e dispongono di un roster da categoria ben superiore, con almeno 3 elementi che hanno giocato da professionisti, a partire dall’argentino Gigena, 14 campionati in A1, l’esperto Giannini e Strozzalupi, qualche anno or sono, enfant prodige del vivaio di Montecatini, oltre a Stolfi, Sidoti e Lazzeri elementi di caratura superiore, alcuni dei quali arrivati alla corte di coach Pardini a metà campionato per provare l’immediato ritorno in DNC. Palla a due alzata da Roccampo di Firenze e Munda di Carrara alle ore 18.

Pomeriggio perfetto per Prato che conquista il derby, vendicandosi del ko dell'andata e si prende i due punti praticamente decisivi per la conquista dei playoff. Con qualche speranza, adesso, di agguanatare anche il quarto posto. Vaiano invece vede assottigliarsi a sole due lunghezze il vantaggio sulla Synergy, tornando a rischio per quanto riguarda i playout.Partita che ha visto sempre avanti i Dragons, spinti da un ottimo Taiti, 17 punti e padrone assoluto del pitturato in entrambe le aree. I valbisentini hanno poco o nulla dalla panchina, se si esclude Poli, alla fine secondo miglior marcatore con 14 punti. Ancora senza Consorti, i rossoblù prendono comunque in mano le redini del gioco e pur senza dare mai l'impressione di ammazzare la partita, restano avanti con scarti oscillanti tra i sei e nove. Vaiano si rianima nel finale della terza frazione con le triple di Mattei e i liberi di Vettori, che valgono il -3. Dal cilindro di Grossi esce però Vannoni, sin lì fermo a 6, che si scatena, caricando di falli la difesa valbisentina: sette quelli subiti nel quarto tempino, con nove su dieci ai liberi cui aggiunge un altro canestro su azione. E' lui l'uomo della svolta, i Dragons allungano subito, Vaiano si carica di falli, out per cinque Fecchio, e Prato chiude sul +12.

C. M. B. VALBISENZIO vs SIBE PRATO 54 - 66 (15/20 – 28/34 – 44/47)

ITALCERNIERE: Ottanelli NE, Poli 14, Faloci, Mungai 2, Daviddi, Giagnoni NE, Vettori 7, Fracassini 14, Fecchio, Mattei 17; Allenatore: Vaiani

DRAGONS: Guerrini, Biscardi 9, Dell’Orfanello 6, Magni, Taiti 17, Corsi 9, Vannoni 17, Smecca 6, Onohua, Banci 2; Allenatore: Grossi

ARBITRI: Isufi di Rosignano e Fabiani di Livorno